Vai al contenuto

GUIDE / PARIGI / COSA VEDERE A PARIGI

Museo Grévin: Visitare il Museo delle Cere di Parigi

Guida alla visita del Museo delle Cere di Parigi: Cosa Vedere, Biglietti, Orari e Tante altre Informazioni Pratiche.

Il Museo Grévin da oltre un secolo è il celebre Museo delle Cere di Parigi, un percorso fantastico tra centinaia di statue di cera, eleganti saloni barocchi, giochi di specchi e suggestioni d’altri tempi.

Il Museo delle Cere di Parigi, conosciuto anche come Museo Grévin, è da oltre cent’anni una delle attrazioni più famose della città. Nato come esposizione di statue di cera, principalmente dei personaggi che affollavano le cronache dei giornali parigini e sulla falsariga del Madame Tussaud’s di Londra, il Museo Grévin ha affascinato generazioni di francesi e viaggiatori con gli spettacoli del suo Cabinet Fantastique e i giochi di specchi del Palais des Mirages.

Attivo fin dal 1882 e situato in un elegante palazzo d’epoca a pochi passi dall’Opéra, il Museo Grévin ospita circa 450 personaggi di cera, disposti in scene che abbracciano la storia della Francia e la vita moderna, spaziando da Carlo Magno all’epoca di Napoleone III, con scene suggestive della Rivoluzione Francese che mostrano figure di cera originali del XIX e inizio XX secolo. Non mancano celebrità come Einstein, Gandhi, Picasso, Michael Jackson e Papa Giovanni Paolo II, ma potrete farvi facilmente un selfie anche con contemporanei come Papa Francesco, Macron, Cristiano Ronaldo e Mbappé, in una collezione che giorno dopo giorno si arricchisce di nuovi pezzi e nuove attrazioni.

Visitare il Museo delle Cere di Parigi: Cosa Vedere al Museo Grévin

Situato nel cuore del 9° arrondissement di Parigi, nel vivace quartiere dell’Opéra, il Museo Grévin è una delle attrazioni più affascinanti e iconiche della città. Questa straordinaria istituzione ospita oltre 450 statue di cera che rappresentano in modo realistico personaggi famosi e storici, alcuni realmente esisti altri addirittura immaginari, ciascuno collocato all’interno di scenari suggestivi. Ma il Museo delle Cere di Parigi Grévin va ben oltre le statue: vale la pena visitarlo anche solo per ammirare le sue favolose sale barocche di fine ‘800, il suo antico Théâtre Grévin e l’affascinante Palais des Mirages con suoi giochi di specchi.

Il Museo delle Cere di Parigi offre una straordinaria esperienza che mescola storia e cultura pop, arte e intrattenimento, in un luogo unico e dalla storia piuttosto affascinante. Sale sfarzose ed eleganti scaloni barocchi sono solo l’anticamera di un percorso che si snoda tra oltre 450 statue di cera incredibilmente dettagliate, suddivise in 11 diverse aree tematiche. Dagli idoli del rock e del pop internazionale alle superstar globali, dai personaggi della storia a quelli dello sport, potrete passare dal calcare il red carpet al farvi un selfie con Papa Francesco o al prendere un tè nell’ufficio di Macron, il tutto nel giro di pochi metri e minuti.

Vagando per il Museo Grévin sarà normale non riconoscere tutti i personaggi: molte delle statue sono di personaggi noti per lo più nella cultura popolare francese, e meno conosciuti oltralpe. Comunque la maggior parte delle statue sono di personaggi di fama mondiale, per cui preparatevi a farvi un selfie con Cristiano Ronaldo e con praticamente tutti i campioni francesi, da Zidane a Mbappé. Una delle sezioni più ambite è quella delle grandi star di Hollywood – con gli immancabili Penelope Cruz e Leonardo Di Caprio – e delle leggende del cinema francese.

E non avrete bisogno di grandi abilità diplomatiche per avvicinarvi ai grandi leader del mondo, da Papa Giovanni Paolo II a Charles de Gaulle, da Joe Biden a Emmanuel Macron, per non parlare della compianta Regina Elisabetta II e di Re Carlo III. Se volete andar sul classico, Luigi XIV e Napoleone Bonaparte sono un evergreen. Oppure andate sul sofisticato, con i famosi chef e pasticceri francesi come Alain Ducasse e Pierre Hermé, o come le icone della moda e dello stile mondiale, tra couturiers e top models.

I bambini troveranno un’ampia rassegna di supereroi e personaggi delle favole e potranno divertirsi con decine di nuove mostre interattive, che permettono a tutta la famiglia di entrare nel gioco e partecipare a coinvolgenti attività multimediali. Imperdibili sono i due tesori nascosti del Museo Grévin, che non è soltanto il Museo delle Cere di Parigi, ma conserva anche due storiche attrazioni: il Théâtre Grévin e il Palais des Mirages.

Il Museo Grévin era infatti concepito come un insieme di attrazioni pensate per stupire e meravigliare lo spettatore. Il Théâtre Grévin venne costruito nel 1900 per ospitare i rinomati spettacoli delle Pantomimes Lumineuses di Émile Reynaud, antenate dei cartoni animati, e performance di magia. Noto come Cabinet Fantastique, era famoso anche per gli spettacoli di Georges Méliès, pioniere degli effetti speciali e della narrativa cinematografica. Era un luogo dove la magia prendeva vita e l’arte dell’illuminazione creava un’atmosfera incantata.

Oggi il Théâtre Grévin ospita emozionanti concerti a lume di candela e spettacoli di danza e musica classica. Il sipario del teatro è un dipinto originale del celebre cartellonista Jules Chéret, raffigurante personaggi della Commedia dell’Arte. Il Palais des Mirages, inizialmente noto come Palais des Illusions, venne fondato da Eugène Hénard in occasione dell’Esposizione Universale del 1900, ed è un affascinante complesso di specchi ed effetti prospettici capaci di coinvolgere il visitatore e trasportarlo in scenari fantastici e mondi lontani.

Biglietti per il Museo delle Cere di Parigi – Museo Grévin

I biglietti per il Museo delle Cere di Parigi – Museo Grévin partono dai 26 € adulti e 19 € ragazzi dai 5 ai 18 anni. I bambini sotto i 5 anni entrano gratis. I biglietti si acquistano online e sono validi per l’intera giornata. La visita si svolge in autonomia e solitamente richiede circa 2 ore.

L’ingresso è gratuito con il Go City Paris Pass, che offre ingresso gratuito ad oltre 85 tra le principali attrazioni di Parigi (inclusa la Torre Eiffel, il Louvre il Museo d’Orsay e tante altre esperienze culturali e gastronomiche), per una validità che va dai 2 ai 6 giorni. A conti fatti permette di risparmiare almeno il 50% sui biglietti e molto di più se la usate avidamente!

Orari di Apertura del Museo Grévin

Il Museo Grévin di Parigi è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00. L’accesso è consentito fino alle 17:00.

Le Origini del Museo Grévin: Il Magico Mondo del Museo delle Cere di Parigi

Il Museo Grévin non è soltanto il Museo delle Cere di Parigi, ma un vero pezzo della storia dello spettacolo parigino. Per comprenderne appieno le ragioni per visitarlo, al di là del fatto di ammirare e scattare foto alle classiche statue di personaggi famosi a grandezza reale, dobbiamo fare un viaggio nel tempo fino all’anno 1882, quando questo straordinario luogo prese vita grazie all’ingegnosa visione del giornalista Arthur Meyer, fondatore del celebre quotidiano “Le Gaulois”. In un’epoca in cui l’uso delle fotografie nei giornali era ancora una rarità, le persone non avevano quasi mai modo di associare un volto ai nomi che leggevano sui giornali.

Meyer ebbe una visione audace e rivoluzionaria: creare un’alternativa unica per i lettori. La sua idea geniale consisteva nel rappresentare le personalità descritte nei suoi articoli in modo che chiunque potesse vederle da vicino, come in un incontro di persona. Quindi non in due dimensioni, ma in una forma tridimensionale. L’idea delle statue di cera non era nuova: in Francia erano esistevano già nel XVII secolo, quando dopo la morte di una figura reale era consuetudine esporre una rappresentazione in cera della persona scomparsa.

Questa tradizione si sviluppò nel tempo e divenne un’arte di corte a tutti gli effetti. La famosa maschera funebre in cera di Luigi XIV, creata da Antoine Benoist, è uno dei primi esempi di questa pratica. Intorno al 1770, Philippe Curtius – un medico ed artista svizzero – venne invitato a Parigi dal Luigi Francesco di Borbone-Conti, per presentare una mostra di maschere di cera, semplicemente chiamata cabinet de cire. Ad aiutarlo c’era una giovane che tutti chiamavano Marie, che lavorava con sua madre come governante in casa Curtius, il quale le aveva trasmesso l’arte della lavorazione della cera.

I due fecero molto successo, al punto da ritrarre non solo la famiglia reale ma anche personaggi come Jean-Jacques RousseauBenjamin Franklin e Voltaire, oltre che le maschere mortuarie delle vittime illustri della Rivoluzione Francese, come quelle di Robespierre e della coppia reale. Dopo la morte di Curtius, Marie si trasferì a Londra dove sposò François Tussaud. E così Marie Tussaud sarebbe di lì a poco diventata Madame Tussaud, e la sua mostra permanente – il Madame Tussaud’s, fondato nel 1835 – sarebbe diventato il primo e più famoso museo delle cere al mondo.

Alcune imitazioni aprirono alcuni anni dopo a Parigi e in altre città, ma fu l’intuizione di Arthur Meyer a creare il primo grande museo delle cere in grado di rivaleggiare con il Madame Tussaud’s. Per realizzare questo ambizioso progetto, Meyer si rivolse a un talentuoso creativo: il fumettista, scenografo e costumista teatrale Alfred Grévin. Ispirato dal successo del Madame Tussaud’s di Londra, Grévin si dedicò con fervore alla creazione di questa insolita attrazione. La sua dedizione e creatività si riversarono nell’intero museo, contribuendo a plasmarne la sua identità unica. Il Museo Grévin fu un successo istantaneo, capace di affascinare e intrattenere parigini e visitatori stranieri.

Nel tempo il bel palazzo storico del Museo Grévin divenne sempre più popolare e nel 1900 fu aggiunto il favoloso Teatro Grévin, ancora oggi perfettamente conservato nello stile autentico dell’epoca, e la Sala degli Specchi, quest’ultima creata appositamente per l’Esposizione Universale di Parigi. Oggi alle classiche esposizioni dell’epoca si sono affiancate mostre interattive e multimediali, capaci di conquistare il cuore anche dei più piccoli. E ancora oggi, dopo oltre un secolo dalla sua fondazione, il Museo Grévin continua a incantare e sorprendere, attirando generazioni di visitatori da ogni angolo del mondo.

Come Arrivare al Museo Grévin – Museo delle Cere di Parigi

Il Museo Grévin si trova nel cuore di Parigi, lungo il Boulevard Montmartre che, a dispetto del nome, non si trova a Montmartre ma nel distretto dei Grands Boulevards, a pochi passi dall’Opéra Garnier e dalle Galeries Lafayette e dai Grands Magasins Printemps. Potete visitarlo anche durante una passeggiata lungo il Passage des Panoramas e il Passage Jouffroy, parte dell’itinerario dei Passages Couverts di Parigi.

Il Museo delle Cere di Parigi Grévin si raggiunge facilmente anche con i mezzi pubblici. Ci sono quattro stazioni della metropolitana nelle vicinanze: Grands Boulevards (linee 8 e 9), Richelieu-Drouot (linee 8 e 9), Opéra (linee 3, 7 e 8) e Bourse (linea 3). Le fermate del bus più vicine sono Grands Boulevards (linee 20, 39 e 48) e Richelieu-Drouot (linee 67, 74 e 85).

Attrazioni nelle Vicinanze del Museo Grévin – Museo delle Cere di Parigi

Nelle vicinanze del Museo Grévin potrete visitare la favolosa Opéra Garnier e gli storici centri commerciali in stile art nouveau che hanno fatto la storia di questo elegante quartiere parigino: le Galeries Lafayette e i Grands Magasins Printemps, con le loro cupole di vetro ed una terrazza con vista sulla città. A circa 1 km (20 min di cammino) si trova il Palais Royal e il Museo del Louvre e da qui si accede facilmente ai Batobus che collegano la città da parte a parte scorrendo sulla Senna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *