Vai al contenuto

GUIDE / STATI UNITI D’AMERICA

Mobile (Alabama): Cose da Vedere, Hotel & Ristoranti

La Guida Pratica alla visita di Mobile (Alabama): le migliori cose da vedere e consigli utili sui migliori hotel e su come pianificare il viaggio.

Una grigia e triste città portuale affacciata sul Golfo del Messico, nel sud dell’Alabama, nasconde un vivace lato culturale, dimore d’altri tempi e una delle più poderose corazzate della Seconda Guerra Mondiale. Il resto sono spiagge, desolati villaggi costieri ed ottimi ristoranti di mare.

Affacciata sul Golfo del Messico, la vivace cittadina portuale di Mobile (pronunciata Mobìl, alla francese) è una delle mete più sottovalutate dell’Alabama. A primo impatto potrebbe sembrare poco attraente, ma passeggiando per le sue strade si scoprono favolosi edifici storici che narrano un intrigante passato, mentre visitando i suoi musei, ancora poco battuti dal turismo di massa, potrete scoprire delle chicche davvero interessanti.

Spesso i turisti la ignorano, attratti dalle più famose città nelle vicinanze. Per questo Mobile ha conservato un’atmosfera autentica, poco sofisticata, che la rende una buona meta per chi vuole scoprire l’affascinante passato dell’Alabama, le sue tradizioni e la sua vivace cultura gastronomica. In fondo, Mobile è lungo la strada tra Montgomery e New Orleans, e questo già potrebbe essere un ottimo motivo per visitarla.

IN QUESTA GUIDA

MOBILE (ALABAMA): LA GUIDA PRATICA


01 – LE MIGLIORI COSE DA VEDERE A MOBILE (ALABAMA)

02 – I MIGLIORI HOTEL DI MOBILE

Mischiatevi con i locali per un tuffo nell’Alabama marinara e verace. Mobile non è affatto patinata e spesso viene snobbata dai turisti, e questo è un vantaggio per i viaggiatori che vogliono godersi la sua atmosfera, a tratti dismessa, a tratti nostalgica. Se guardate oltre la città moderna troverete favolosi quartieri storici con ville e palazzi ottocenteschi perfettamente conservati, in stili che spaziano dal coloniale, al vittoriano, al revival.

Passeggiate lungo le strade del centro e date un’occhiata agli interessanti musei che Mobile offre. Noleggiate un’auto e visitate i bei paesaggi intorno alla Mobile Bay, punteggiati di vecchi forti, oasi naturalistiche, meravigliosi giardini e ville.

Poi terminate la giornata in bellezza, sperimentando la gustosa cucina locale. Mobile è famosa per le ostriche, ma anche per crostacei ed altre prelibatezze di mare di ogni tipo. Uno dei preferiti della gente del posto è The Original Oyster House, che dal 1983 serve ogni sorta di specialità di mare e non solo. Ad esempio potete provare l’alligatore fritto, specialità della cucina degli stati del sud. Se invece siete per sapori più tradizionali, troverete decine di specialità che vanno dai gamberi, al granchio, al tonno. E si, ci sono anche le ostriche. Per gli appassionati del genere, il locale è stato reso celebre anche dalla trasmissione Man vs Food, il piatto della sfida era il Fisherman’s Pride, provatelo!

LE MIGLIORI COSE DA VEDERE A MOBILE (ALABAMA)

USS ALABAMA BATTLESHIP MEMORIAL PARK

Tra le cose da vedere a Mobile, il grande museo dedicato alla famosa nave da guerra USS Alabama è davvero imperdibile! La USS Alabama (ufficialmente BB-60) fu varata nel 1942 e, dopo un breve periodo di servizio nell’Atlantico, ha partecipato a gran parte delle campagne navali nel teatro del Pacifico, partecipando a diverse importanti battaglie, tra cui quella del Mare delle Filippine.

Dopo essere stata dismessa pochi anni dopo la fine della guerra, la USS Alabama è stata conservata come nave museo, accessibile ai visitatori fin dal 1965. Visitandola potrete esplorare le varie aree della nave, inclusi gli alloggi degli ufficiali, la cambusa e i cannoni, oltre ad imparare qualcosa di più sulla sua storia e sull’esperienza dei membri dell’equipaggio che hanno prestato servizio a bordo.

Potrete vedere gli spazi angusti dedicati ai marinai, le sale dedicate ai cartografi, l’ospedale di bordo con tanto di sala operatoria, la celle di rigore, la cabina del fotoreporter, tutti elementi che aiutano a capire quanto incredibile e complessa fosse una nave del genere, oltre ovviamente all’opportunità di visitare le torrette e i compartimenti dedicati all’artiglieria.

Ma non finisce qui, lo USS Alabama Battleship Memorial Park è una vera chicca per gli appassionati di storia militare. Se, come me siete amanti del genere, allora dovreste dedicare almeno una mezza giornata alla visita di questo museo. Accanto alla nave da guerra potrete infatti visitare anche l’USS Drum (SS-228), leggendario sommergibile della classe gato, il primo ad entrare in servizio nei combattimenti della Seconda Guerra Mondiale, di stanza a Pearl Harbor e attivo nelle acque del Pacifico, specialmente intorno ad Iwo Jima.

Potrete visitare anche diversi velivoli, sempre dell’era della Seconda Guerra Mondiale, come un caccia P-51 Mustang Red-Tail, ma anche aerei più moderni, come il grosso bombardiere strategico Boeing B-52 Stratofortress e l’aereo spia Lockheed A-12, risalenti ai tempi della Guerra Fredda. Inoltre il museo vanta una interessante collezione di veicoli, carri armati ed armi risalenti ai conflitti in Vietnam, Corea e Golfo.

FORT CONDE

Il miglior posto per conoscere meglio le radici coloniali di Mobile è Fort Conde, un forte costruito dai francesi sulla Mobile Bay nel 1702. Al tempo Mobile era un porto coloniale, e il forte era il principale baluardo a difesa delle navi, delle merci e del piccolo insediamento che sorgeva intorno ad esso. Rimase attivo fino al 1820, quando fu per lo più smantellato. Gran parte degli edifici vennero abbattuti per lasciare spazio ad abitazioni e negozi e le pietre vennero usate come materiale da costruzione per la città che stava sorgendo al suo posto.

Fort Conde si estendeva grosso modo su tutta l’area intorno a Theatre Street, Royal Street e Government Boulevard. Oggi solo una piccola parte del forte originario è visitabile, ed è un buon posto per scoprire l’affascinante storia dell’Alabama. Nel forte c’è un piccolo museo dedicato all’epoca coloniale, che può essere visitato in autonomia seguendo un percorso guidato.

QUARTIERI STORICI DI MOBILE

Il lato più bello e affascinante di Mobile è quello che si scopre passeggiando per i suoi quartieri storici, un vero spaccato di vecchia Alabama. Ci sono sette quartieri storici sparsi per la città, ognuno con il proprio carattere e il proprio patrimonio architettonico.

A cominciare dal centro città, non perdetevi il favoloso quartiere storico intorno a De Tonti Square, con ville e palazzi che sono un tripudio di stili architettonici che attraversano tutte le ere dagli inizi dell’800 fino ai primi del ‘900. Le case borghesi si mischiano a quelle della classe media, villini a schiera dalle facciate in mattoni d’argilla, costruite nella metà dell’800. Passeggiate per i viali alberati, che ancora sfoggiano le antiche lampade a gas originali, poi dirigetevi verso l’Oakley Garden District, un grosso quartiere (oltre 60 isolati!) che è un concentrato di palazzi, cottage e villini costruiti nel periodo che va dal 1830 al 1930.

Un altro interessante quartiere storico è quello di Old Dauphin Way, situato nella parte occidentale del centro città di Mobile. Architettura dal sapore coloniale e grandi ville dalla raffinata architettura in legno si trovano nella zona tra Dauphin Street e Spring Hill Avenue. Tra Water Street e Jefferson Street potrete esplorare i quartiere storico di Lower Dauphin Street, con bei palazzi ottocenteschi con strutture in mattoni a due e tre piani costruite negli stili vittoriano, federale e italianeggiante.

CATTEDRALE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE

La Cattedrale dell’Immacolata Concezione è la chiesa più bella ed imponente di Mobile, fondata nel 1704 e più volte ampliata. La versione attuale è del 1833, costruita sullo schema classico delle basiliche romane, con un portico caratterizzato da 8 imponenti colonne doriche, un soffitto con volta a botte e due torri campanarie. Date un’occhiata ai suoi interni e alle grosse vetrate istoriate di fine ‘800 e all’organo di metà ‘900, realizzato dalla Wicks Organ Company.

MOBILE MUSEUM OF ART

Quello che è il principale museo d’arte di Mobile si trova nel Langan Park ed ospita oltre diecimila opere d’arte che spaziano dall’età classica a quella contemporanea. La collezione permanente è focalizzata per lo più sull’arte americana, sull’arte africana e sull’artigianato contemporaneo, questo lo rende un museo molto diverso – e per questo ancor più interessante – rispetto a quelli ai quali siamo maggiormente abituati.

Notevole è la collezione dedicata all’arte dei nativi americani, corredata anche da antiche fotografie e litografie colorate a mano. La mostra permanente è solitamente affiancata da diverse mostre temporanee, che completano l’esperienza del museo. Inoltre, chi viaggia con i bambini potrebbe informarsi sulle attività a loro dedicate, dato che il museo presenta anche mostre interattive e laboratori tematici sulla scultura, sul disegno e altre tecniche artistiche.

MUSEO STORICO DI MOBILE

Se Fort Conde è un buon posto per scoprire come si viveva a Mobile nel XVIII secolo, il Museo Storico di Mobile (History Museum of Mobile) segue lo stesso filo conduttore ed entra molto più in profondità, offrendo una interessante e ampia panoramica sulla storia della città. Intanto vale la pena andarci anche solo per vedere l’edificio in cui è ospitato, un grande palazzo bianco che un tempo era il Municipio, costruito nel 1850 in uno stile che ricorda vagamente l’architettura italiana dell’800.

Il museo ospita diverse collezioni e mostre che raccontano l’affascinante passato di Mobile, dai nativi americani che per primi abitarono la zona, al periodo coloniale, la schiavitù e la guerra civile. Una parte del museo è dedicata al ruolo svolto dalla città portuale di Mobile durante la Seconda Guerra Mondiale, ma anche alle lotte per i diritti della popolazione afroamericana, che – ricordiamo – hanno avuto origine proprio nel cuore dell’Alabama.

Non si può ripercorrere la storia degli Stati Uniti d’America senza approfondire il triste capitolo della Guerra Civile Americana (1861-1865), di cui l’Alabama fu una importante pedina. Infatti, uno dei pezzi forti della collezione è il cannone da 5.000 libre che, durante la guerra civile, armava la nave confederata CSS Alabama.

Continuate la visita in alcuni dei distaccamenti del Museo Storico di Mobile, come il Phoenix Fire Museum su Claiborne Street, situato in una vecchia caserma dei pompieri del XIX secolo. Qui un tempo era di stanza la Phoenix Volunteer Fire Company n. 6, ed il museo è dedicato a questa brigata di pompieri, alla sua storia e ai suoi mezzi, con una collezione di vecchie autopompe finemente restaurate, incluso un simpatico carretto-autopompa che veniva trainato da cavalli.

Per scoprire qualcosa di più sulla società borghese di Mobile, andate alla Mary Jane Slayton Inge Gallery, che offre una interessante collezione di porcellane, stoviglie, cristalli e oggetti decorativi che un tempo abbellivano le case delle famiglie più ricche della città.

VILLE E DIMORE STORICHE DI MOBILE

La bellezza di Mobile va cercata con cura, negli angoli più autentici dei suoi quartieri storici, ma anche nelle favolose ville e dimore che un tempo appartenevano ad alcune delle famiglie più ricche dell’Alabama. Ce ne sono diverse intorno alla città, e alcune di queste meritano davvero una visita.

RICHARDS DAR HOUSE

Passeggiando per il De Tonti Square Historic District, incontrerete questa bella dimora in stile architettonico italianeggiante (si chiama proprio così, e negli USA è noto come italianate style, uno stile tipicamente inglese e nordamericano ispirato all’architettura rinascimentale italiana, concepito agli inizi del ‘800 dall’architetto britannico John Nash).

Costruita nel 1860 per il capitano di battelli a vapore Charles G. Richards e sua moglie Caroline, questa bella dimora storica venne donata dai successivi proprietari alla città di Mobile e restaurata nel 1973 dalla sezione locale dell’associazione delle Figlie della Rivoluzione Americana. Visitandola potrete apprezzare i lampadari Cornelius nell’ingresso e in entrambi i salotti, un lampadario di cristallo Baccarat nella sala da pranzo, e gli elementi decorativi in ferro battuto e pregiati marmi di Carrara.

TENUTA DI BELLINGRATH

La tenuta Bellingrath (Bellingrath Gardens and Home) si trova quasi 40 km più a sud di Mobile, in direzione di Alabama Port, per cui il modo migliore per andarci è noleggiare una macchina e guidare fin lì. Circondata da un parco di 16 acri, è famosa per i suoi bei giardini fioriti e abbelliti da laghetti e fontane e per la favolosa dimora storica.

La villa fu progettata nel 1935 dall’architetto locale George B. Rogers per Walter Bellingrath – ricco industriale, proprietario di uno dei primi stabilimenti della Coca-Cola del sudest americano – e sua moglie Bessie, ritenuta la vera artefice dei giardini. Attualmente è una casa museo e potete visitare 15 delle sue stanze, che conservano gli arredi originali dell’epoca.

Ma è interessante scoprire anche la sua storia e i suoi dettagli architettonici, a partire dal riuso di materiali provenienti da altre dimore storiche di Mobile, demolite agli inizi del ‘900, come elementi in ferro battuto recuperati dal vecchio Southern Hotel prima della sua demolizione e i mattoncini utilizzati per la facciata, che un tempo erano della casa natale di Alva Belmont, multimilionaria e attivista per il suffragio femminile.

Se andate tra gennaio e febbraio, potrete assistere alla fioritura delle camelie, il fiore simbolo dell’Alabama. Il parco ospita oltre 400 diverse varietà di camelia. A marzo invece il giardino attira visitatori da tutto lo stato, desiderosi di assistere alla fioritura delle sue oltre 250.000 azalee colorate. Il calendario delle fioriture presenta altri appuntamenti minori per tutto l’anno fino a novembre, quando avviene la bellissima fioritura dei crisantemi.

Non perdetevi anche la caccia alle uova di Pasqua che si tiene in primavera intorno alla tenuta, un evento molto popolare tra la gente del posto, e ricordate di dare un’occhiata all’interessante collezione di porcellane finemente decorate opera del rinomato artista statunitense Edward Marshall Boehm, frutto della collezione privata della facoltosa famiglia locale Delchamps. La Delchamps Gallery of Boehm Porcelain si trova proprio sotto la villa, in quello che un tempo era il garage.

CASA MUSEO DI OAKLEIGH

La Casa Museo di Oakleigh è la più bella tra le tre ville che compongono il Complesso Storico di Oakleigh, a sud-ovest del Central Business District, ed è un eccellente esempio di stile neogreco. Fu costruita nel 1833 da James W. Roper, un muratore della Virginia dalla storia piuttosto curiosa.

Trasferitosi a Mobile in cerca di fortuna, Roper aveva cominciato a far soldi gestendo una fabbrica di mattoni e commerciando merci secche e cotone. Tuttavia, con la grande crisi finanziaria del 1837, aveva perso tutti i suoi soldi e non era riuscito a ripagare i debiti fatti per costruire la villa che, pignorata dalla banca, venne acquistata dal cognato di Roper, Boyd Simison. Quest’ultimo consentì a Roper di continuare a viverci gratuitamente in cambio di tutti i suoi schiavi, tranne uno.

Qualche anno dopo Roper decise di trasferirsi a New Orleans per tentare la fortuna come commerciante di legname. La villa venne acquistata da Alfred Irwin, tesoriere della Mobile & Ohio Railroad. Durante la guerra civile sua moglie, Margaret Kilshaw Irwin, riuscì a difendere la villa dai saccheggi dei soldati dell’Unione sfruttando la propria cittadinanza britannica: proclamò la proprietà territorio neutrale e appese la Union Jack – la bandiera britannica – fuori dal balcone. La villa rimase miracolosamente indenne.

Oggi vale la pena visitarla per dare un’occhiata ai suoi arredi, risalenti al primo periodo vittoriano e regency. Proprio accanto si trova la Cox-Deasey House, un cottage creolo rialzato tipico dell’architettura borghese della Mobile di metà ottocento, costruita da George Cox, un muratore locale che vi abitò con sua moglie e i suoi 11 figli. A pochi passi potrete visitare anche la Cook’s House, costruita nel 1850 come alloggio degli schiavi.

Questa struttura di tre stanze mette in risalto la vita quotidiana di artigiani, operai e domestici. È certamente interessante notare il confronto tra le abitazioni popolari e quelle borghesi. Al suo interno una piccola mostra offre una panoramica sul com’era la vita dei servi, su come funzionava l’interazione con i proprietari e su come la schiavitù urbana fosse un fenomeno piuttosto diffuso ed importante nelle città mercantili come Mobil.

PALAZZO BRAGG-MITCHELL

Alcuni chilometri ad ovest del centro città, lungo Springhill Avenue, potrete dare un’occhiata anche ad un’altra bella dimora storica, la Bragg-Mitchell Mansion. Costruita nel 1855 come villa per ricevimenti, feste e banchetti, è considerata una delle più belle dimore antebellum di Mobile. Vanta una elegante scala a chiocciola, lussuosi salotti e fini decorazioni in una combinazione di revival greco e architettura italianeggiante.

Questo un tempo era il salotto in cui si incontrava l’alta società del fiorente porto di Mobile, e visitando i suoi interni potrete farvi un’idea dello splendore dell’epoca. Ci sono diversi tour guidati al giorno tutti i giorni dal martedì al venerdì. Il biglietto costa 12$.

CASA MUSEO CONDÉ-CHARLOTTE

La Casa Museo Condé-Charlotte (Condé-Charlotte Museum House) si trova nel cuore di Mobile, ad un passo dall’History Museum e fu costruita nel 1822 come edificio pubblico, dedicato ad ospitare il tribunale e la prigione cittadina. Nel 1849 venne acquista dai Kirkbride, una famiglia locale, che ne fecero una abitazione privata. Oggi è possibile visitare i suoi interni, che offrono uno spaccato delle varie epoche della città, dal periodo coloniale francese, al periodo confederato.

Altre stanze sono state restaurate così come apparivano nell’800, e inoltre ospitano una collezione di pregiate stoviglie, servizi da tè in argento Chaudron del XVII secolo, vasi boemi e orologi antichi. Un giardino spagnolo recintato, progettato secondo una pianta del XVIII secolo, completa la casa.

GULFQUEST: IL MUSEO NAZIONALE MARITTIMO DEL GOLFO DEL MESSICO

Chi viaggia con i bambini potrebbe dare un’occhiata a questo interessante museo interattivo dedicato al Golfo del Messico, sul quale Mobile affaccia. Le varie sezioni del museo offrono una panoramica sui suoi habitat naturali, sull’importanza per gli ecosistemi, per il clima terrestre e per la meteorologia, e sulla sua importanza come crocevia delle rotte commerciali marittime.

I bambini potranno mettersi alla prova con alcuni simulatori, che gli permetteranno di provare l’esperienza di mettersi al timone di un battello a vapore o scaricare una nave porta-container con una gru. Il museo espone anche una collezione dedicata ai tesori rinvenuti nei fondali oceanici, all’esplorazione di relitti e alla navigazione in generale.

MOBILE BAY

La Mobile Bay è la baia su cui affaccia la città, direttamente sul Golfo del Messico. Basta uscire un po’ dal centro città di Mobile per trovare belle spiagge e tranquilli villaggi costieri. Tra le isole della Mobile Bay, vale la pena visitare Dauphin Island, all’ingresso sud-ovest della baia, che ospita un santuario degli uccelli, un tranquillo laghetto e un vecchio forte, Fort Gaines.

Per la sua posizione strategica, questo forte è stato a lungo legato alla storia di Mobile, passando di mano in mano dai francesi, agli inglesi, agli spagnoli. Una volta entrato in possesso degli Stati Uniti venne rinforzato nelle forme attuali, e fu luogo di importanti battaglie durante la guerra civile. Venne usato come caserma fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Con una breve traversata in traghetto si raggiunge Fort Morgan, un altro forte situato sulla sponda opposta della baia.

CELEBRAZIONI DEL MARDI GRAS

Pochi sanno che Mobile è stata la cittadina che, nel 1703, per prima ha introdotto le celebrazioni del Mardi Gras negli Stati Uniti. Nel mese di febbraio la città è avvolta nella festa: addobbi colorati e tradizionali sfilate che attirano gente da tutto lo stato. Gli eventi del Carnevale di Mobile sono tra i più vivaci dell’Alabama, e forse di tutti gli Stati Uniti.

In tutto il centro città si organizzano balli in maschera e feste. Se non capitate nel periodo di Carnevale, potete scoprire qualcosa di più su questa tradizione locale al Mobile Carnival Museum, che narra la storia del Mardi Gras di Mobile e la tradizione artigianale dietro i costumi e i carri che ogni anno vengono fatti sfilare per le strade della città.

I MIGLIORI HOTEL DI MOBILE

La parte più bella di Mobile è sicuramente il centro città, con i suoi distretti storici e i tanti palazzi nell’architettura tipica di fine ‘800 e inizio ‘900, ma dalle sfumature vagamente coloniali. Soggiornare in centro permette di muoversi agevolmente per la città, dato che la maggior parte delle attrazioni si trovano concentrate nel raggio di pochi chilometri intorno alla Cattedrale, che possiamo considerare come centro della zona storica di Mobile.

Il Battle House Renaissance Mobile Hotel & Spa è uno dei migliori hotel di Mobile. Situato nel cuore della città, in un edificio storico magnificamente restaurato, offre camere spaziose e confortevoli, ambienti eleganti, una piccola spa e tre ristoranti e bar di livello.

Per chi cerca qualcosa di più modesto, il Fort Conde Inn e il Malaga Inn sono un’ottima scelta. Entrambi sono situati in antiche dimore storiche dell’800, e vantano camere spaziose, arredate con gusto, ed una atmosfera decisamente affascinante. Il Fort Conde Inn, in particolare, è davvero bello. Ha un cortile interno con balconcini che riflettono gli stili delle vecchie case coloniali, inoltre è a conduzione familiare, offre un’ottima colazione inclusa nel prezzo e tutto il calore dell’accoglienza dell’Alabama. Ah, offre anche un parcheggio gratuito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *