Vai al contenuto

GUIDE DI VIAGGIO / AUSTRIA

Kitzbühel: Guida alla Capitale dello Sci del Tirolo

La Guida Pratica alla visita di Kitzbühel (Austria): le migliori cose da vedere e da fare, i migliori posti da visitare nei dintorni e consigli utili sui migliori hotel e su come pianificare il viaggio.

Kitzbühel non è soltanto una delle più famose località sciistiche austriache: vette innevate d’inverno, centinaia di sentieri per tutte le età in estate ed una piacevole atmosfera rilassata la rendono una delle mete ideali per esplorare gli angoli più nascosti del Tirolo Orientale.

Kitzbühel è un paesino di appena 8.000 anime nel cuore del Tirolo Orientale, nell’Austria Occidentale, tra Innsbruck e Salisburgo, che dista appena ottanta chilometri. Famosa per le sue piste da sci, Kitzbühel è una meta turistica molto popolare durante l’inverno, quando migliaia di appassionati di montagna – che la chiamano affettuosamente Kitz – vengono qui a trascorrere le vacanze, godendosi centinaia di chilometri di piste di ogni livello di difficoltà e l’atmosfera piacevole e sofisticata del suo centro storico.

Ma Kitzbühel è molto più di una località sciistica: in estate è la meta ideale per famiglie e viaggiatori che vogliono trascorrere una vacanza rigenerante tra le tranquille valli tirolesi, dato che offre centinaia di facili sentieri escursionistici ed è una meta piuttosto popolare per il ciclismo, l’arrampicata su roccia e il golf. Inoltre è situata in una posizione abbastanza comoda per esplorare il Tirolo Orientale e la vicina regione di Salisburgo, ed è il posto ideale per conoscere qualcosa di più sulla storia e la cultura di questo poco conosciuto e spesso sottovalutato angolo d’Austria.

Situata in una valle ai piedi del Kitzbüheler Horn, una delle principali montagne delle Alpi di Kitzbühel, la cittadina di Kitzbühel vanta una storia affascinante e alcuni tra i più bei panorami del Tirolo. Divenuta ricca e famosa nel XVI secolo grazie alle sue miniere di rame e argento, Kitzbühel è diventata gradualmente una popolare località di villeggiatura, apprezzata da escursionisti, alpinisti e soprattutto sciatori.

Nota per essere una delle località sciistiche più gettonate e alla moda dell’Austria, Kitzbühel vanta centinaia di chilometri di piste da sci di diversa difficoltà, incluse alcune delle migliori discese libere e slalom d’Europa. Non è un caso che qui si tiene annualmente una delle gare più importanti della Coppa del Mondo di Sci Alpino, l’Hahnenkamm.

Ma, oltre lo sci, questa graziosa cittadina offre anche un bel centro storico, perfetto per una passeggiata e per assaggiare la deliziosa cucina locale. Adagiato lungo una serie di collinette, il centro storico di Kitzbühel si estende intorno a due strade principali: la Vorderstadt e la Hinterstadt, fiancheggiate da abitazioni storiche costruite nell’affascinante stile architettonico tradizionale tipico della valle dell’Inn.

Nei dintorni non mancano le opportunità per escursioni e passeggiate nella natura, mentre in estate è piuttosto facile avvistare la fauna selvatica della regione, come cervi, marmotte e scoiattoli. In questa guida scopriremo le migliori cose da vedere a Kitzbühel e le migliori escursioni da fare nei dintorni. Inoltre potrete trovare qualche utile informazione sui migliori hotel di Kitzbühel e su come pianificare al meglio il vostro viaggio in quest’angolo d’Austria.

LE MIGLIORI COSE DA VEDERE E DA FARE A KITZBÜHEL

KITZBÜHELER HORN

L’elegante cittadina di Kitzbühel affaccia proprio sul versante occidentale del Kitzbüheler Horn che, con i suoi 1.996 metri d’altezza, è una delle più imponenti montagne delle Alpi di Kitzbühel. Pur non essendone la vetta più alta – che da queste parti è il Kreuzjoch (2.558 metri), ma basta darsi un’occhiata intorno per vedere almeno altre 10 cime sopra i 2000 metri – il Kitzbüheler Horn è indubbiamente una delle più sceniche e meglio fruibili.

Da Kitzbühel, infatti, partono diverse funivie che permettono di raggiungere decine di punti panoramici sulla vetta. La funivia Hornbahn parte appena di fronte al centro storico e permette di raggiungere facilmente l’altipiano del Pletzeralm (1.273 metri) e proseguire verso alcuni dei punti panoramici migliori, come il Gipfelhaus am Kitzbüheler Horn e l’Alpenhaus. Il primo è una sorta di rifugio, che serve buoni piatti della cucina regionale, il secondo è un grande ristorante e birreria, molto gettonato durante la stagione invernale.

In estate, una strada panoramica di 7,5 km – puttosto ripida (con pendenze fino al 18%) e curvosa – permette di salire dal centro città di Kitzbühel fin sopra alla Alpenhaus. Il percorso si snoda tra dolci pendii punteggiati di fattorie e vecchie malghe, qualche baita e alcuni ruscelli, fino ad arrivare all’altipiano dell’Alpenhaus, a 1.670 metri sul livello del mare. Qui potreste rilassarvi un po’ e godervi il panorama, oppure fare una passeggiata su uno dei tanti sentieri, come quello che porta al giardino dei fiori alpini. La strada richiede il pagamento di un pedaggio (25 € per le automobili, 15 € per le moto).

Molte persone, anziché andare in macchina, salgono verso l’Alpenhaus a piedi o in bicicletta. A seconda di quanto siete allenati potrebbero volerci all’incirca 4 ore per salire a piedi. In ogni caso, considerate che la strada è generalmente aperta solo da maggio a novembre e soltanto dall’alba al tramonto. La vista dalla cima spazia sulla valle di Leukental e sulle principali vette delle Alpi di Kitzbühel. Nelle belle giornate potrete godere di un panorama a 360° che spazia a sud dai Radstädter Tauern fino alle Alpi Venoste, mentre a nord svetta la catena montuosa del Kaisergebirge. Ad ovest potrete vedere le Alpi di Lechtal, mentre sullo sfondo ad est si staglia la vetta dell’Hochkönig (2.941 m).

GIARDINO DEI FIORI ALPINI DEL KITZBÜHELER HORN

Un facile sentiero collega in circa 30 minuti di cammino la Alpenhaus al Gipfelhaus. Lungo il percorso potreste dare un’occhiata al Giardino dei Fiori Alpini del Kitzbüheler Horn, considerato tra i migliori giardini di montagna d’Europa.

Situato ad una quota di 1.880 metri, ospita oltre 300 diverse specie di piante provenienti da tutto il mondo, ognuna etichettata con informazioni sul nome e sull’habitat d’origine. Parte del giardino è dedicato alla flora autoctona, ma non mancano rarità provenienti da ogni parte del mondo, come dal Caucaso e dall’Himalaya. L’ingresso è gratuito.

HAHNENKAMM

L’Hahnenkamm, con i suoi 1.712 metri, è l’altra vetta più famosa di Kitzbühel. Oltre ad ospitare il suo comprensorio sciistico più famoso, la montagna e i suoi altipiani dominano l’abitato di Kitzbühel, offrendo numerose opportunità per escursioni e passeggiate nella natura. Accessibile attraverso numerose seggiovie e funivie, l’Hahnenkamm offre superlative viste sulla valle ed una manciata di piccoli, scenici laghetti alpini.

Con una facile passeggiata di mezz’ora dalla stazione a monte della funivia si raggiunge la vetta dell’Ehrenbachhöhe (1.805 metri). Da qui, è un’altra mezz’ora per lo Steinbergkogel (1.960 metri) e in un’ora e mezza si raggiunge il Pengelstein (1.940 metri).

CENTRO STORICO DI KITZBÜHEL

Il centro storico di Kitzbühel è piuttosto compatto ed ha il tipico aspetto delle cittadine di montagna tirolesi. Passeggiando per le sue strade troverai negozi eleganti, café e ristoranti alla moda, oltre a molti hotel ed abitazioni private nel tipico stile del posto, con balconi e facciate colorate. Una delle attrazioni più popolari del centro è il Casinò di Kitzbühel, ospitato in un antico palazzo dalla facciata riccamente decorata. Il corso principale si snoda lungo Vorderstadt, una strada costeggiata da edifici storici dalle facciate in tonalità pastello.

All’estremità settentrionale del centro storico di Kitzbühel si trova la pittoresca Chiesa di Sant’Andrea, ostruita tra il 1435 e il 1506. Gli esterni severi, come da canoni dell’epoca, nascondono degli interni in stile barocco, con stucchi e affreschi del XV secolo che adornano le pareti e la volta. Date un’occhiata alla Rosakapelle, adiacente al coro, con un dipinto sul soffitto di Santa Rosa risalente al 1750, e all’altare maggiore del XVII secolo, opera dello scultore locale Simon Benedikt Faistenberger.

Poco a nord della chiesa parrocchiale potrete visitare la piccola Chiesa di Nostra Signora (Liebfrauenkirche), le cui origini risalgono al 1373. La chiesa custodisce pregiati dipinti e affreschi, incluso quello sulla volta raffigurante l’incoronazione della Vergine Maria, risalente al 1739. Gli interni barocchi sono impreziositi da decorazioni in stile rococò del XVIII secolo, mentre la torre campanaria ospita una grande campana del 1518, tra le più antiche del Tirolo.

Proseguendo la vostra visita per Kitzbühel incontrerete altre due belle chiese. Quella di Santa Caterina (Katharinenkirche), costruita nel XIV secolo in stile gotico, si trova nel centro storico e conserva una preziosa statua della Madonna del XV secolo e una pala d’altare del 1520. Per vedere l’altra dovrete salire lungo le pendici dell’Hahnenkamm (c’è una strada che sale dal centro città, oppure potete prendere la funivia), fino al bell’altipiano dove arriva la funivia, caratterizzato da scenici laghetti alpini come lo Speichersee Ehrenbachhöhe e verdi praterie.

Qui potrete visitare la piccola e pitoresca, Bernhardkapelle am Hahnenkamm, una chiesetta costruita nella metà del ‘900 da un architetto locale, dagli interni austeri, ma situata in una cornice decisamente fotogenica. Nei dintorni ci sono anche alcuni decenti ristoranti di cucina locale, come l’Hahnenkammstüberl e il Restaurant Sonnenrast.

MUSEO CIVICO DI KITZBÜHEL

Situato in quello che un tempo era un antico granaio municipale, il Museo Civico di Kitzbühel è il posto ideale per scoprire qualcosa di più sulla ricca storia della regione e della città di Kitzbühel. Dall’essere un remoto villaggio di montagna, Kitzbühel divenne rapidamente una fiorente e ricca cittadina mineraria. In tempi recenti, finito il boom delle miniere, i suoi abitanti hanno trovato un nuovo oro: il turismo invernale.

Le montagne circostanti offrono alcune tra le migliori piste da sci dell’Austria e questo ha messo Kitzbühel sulla mappa mondiale degli sport invernali. Questa e molte altre storie sono ben narrate attraverso oggetti, fotografie e pannelli descrittivi, oltre ad una ampia mostra sul folklore locale e sull’arte popolare tirolese. In mostra ci sono anche diverse opere d’arte di artisti locali, inclusi oltre un centinaio di dipinti disegni di Alfons Walde, seguace di Klimt e di Schiele che nei primi anni del ‘900 divenne tra i pittori più popolari del Tirolo.

IMPIANTI SCIISTICI DI KITZBÜHEL

La maggiore attrazione di Kitzbühel sono comunque le sue piste da sci. Uno degli impianti sciistici più noti è l’Hornköpfli (1.772 metri), situato appena a sud del Kitzbüheler Horn. Raggiungibile in funivia durante la stagione sciistica, è una delle mete sciistiche più famose dell’Austria ed offre numerose piste di diversi livelli di difficoltà.

L’intera zona circostante pullula di impianti sciistici, per un totale di oltre 150 chilometri di piste servite da una fitta rete di funivie e impianti di risalita (ce ne sono più di 90!). Le piste più popolari sono quelle dell’Hahnenkamm (dove si tiene anche una delle gare della Coppa del Mondo di Sci), quelle del Kitzbüheler Horn e dello Steinbergkogel. Nella zona circostante c’è inoltre il comprensorio sciistico chiamato SkiWelt, che vanta oltre 280 chilometri di piste!

Se siete sciatori provetti, dovreste provare la pista dello Streif, ovvero i quasi 3,5 chilometri (per esperti) di discesa libera, noti per essere tra i più impegnativi al mondo. Questa è una delle due piste che compongono la famosa gara internazionale dell’Hahnenkamm, valida per la coppa del mondo. L’altra è la Ganslern, una pista da slalom speciale situata a poca distanza dalla Streif.

SENTIERI ESCURSIONISTICI E CICLISMO NEI DINTORNI DI KITZBÜHEL

D’inverno Kitzbühel è un paradiso per gli sciatori, mentre con l’arrivo della bella stagione si trasforma in una meta eccezionale per gli amanti delle lunghe passeggiate nella natura e del ciclismo. La zona intorno a Kitzbühel vanta oltre 1.000 chilometri di sentieri di diversa difficoltà, dalle facili e rilassanti passeggiate ai sentieri escursionistici più impegnativi, che permettono di raggiungere le vette dei tanti duemila nei dintorni.

Per questo motivo Kitzbühel è un ottima meta estiva per amanti della montagna e famiglie. I tanti sentieri, generalmente molto ben tenuti, offrono superbi panorami alpini, occasioni per picnic e la possibilità di gustare qualche piatto della cucina regionale in uno dei tanti rifugi della zona.

Le strade della regione sono molto popolari tra i ciclisti, mentre gli appassionati di mountain bike potranno mettersi alla prova su uno degli itinerari cicloturistici MTB più belli d’Europa, il Bike Trail Tirol, un percorso di circa 1.000 chilometri suddiviso in 32 tappe. Ogni singola tappa può essere percorsa singolarmente, cosicché ognuno possa costruirsi il proprio tour ideale, a seconda del tempo a disposizione e delle capacità.

SCHWARZSEE

Appena tre chilometri a nord-ovest di Kitzbühel, facilmente raggiungibile con una passeggiata di una mezz’oretta, c’è un piccolo laghetto chiamato Schwarzsee o lago nero. Il nome deriva dal colore verde scuro delle sue acque, causato dalla composizione fangosa dei suoi fondali. Ma ciò che lo rende popolare sono le sue acque miti, che in estate si dice siano tra le più calde del Tirolo e forse di tutte le Alpi (intorno ai 27°C).

Questo lo rende una meta popolare per prendere il sole, andare in kayak o barca a remi (disponibili a noleggio sul posto), nuotare o semplicemente fare una passeggiata o un bel picnic in riva al lago.

WILDPARK AURACH E IL MUSEO MINERARIO

Quest’ultima attrazione è dedicata principalmente a chi viaggia con bambini. Il Wildpark Aurach è un parco faunistico situato a 4 chilometri da Kitzbühel, facilmente raggiungibile anche con un sentiero escursionistico dal centro città. Nel parco è possibile vedere oltre 200 specie di animali, che spaziano da specie autoctone come cervi, caprioli, linci e cinghiali, fino ad animali più esotici, inclusi canguri, yak e scimmie.

Per il divertimento dei bambini c’è un grande parco giochi a tema avventura, con ambientazioni da esploratore nella foresta pluviale o da caccia al tesoro in miniera. Ma l’attrazione più bella è la fattoria didattica, dove i bambini possono entrare in contatto con gli animali e assistere al pasto di asini, capre, conigli e molti altri animali da fattoria. Il pasto avviene generalmente alle 14.30.

Un’altra interessante attrazione nei dintorni è lo Schaubergwerk Kupferplatte, un museo che narra la storia ed il lavoro dei minatori nelle antiche miniere di rame risalenti ad oltre 3.000 anni fa. Oltre alle miniere preistoriche, potrete visitare un piccolo tratto (150 metri) delle gallerie della vecchia miniera, dove fino agli inizi del ‘900 i minatori locali estraevano il minerale di rame. La visita si svolge su un trenino originale dell’epoca, con vagoncini minuziosamente restaurati.

I MIGLIORI HOTEL DI KITZBÜHEL

Essendo una delle mete invernali più gettonate e ben frequentate dell’Austria, Kitzbühel vanta diversi ottimi hotel, situati tutti a poca distanza dagli impianti sciistici e dalle principali attrazioni, negozi e ristoranti.

Tra i migliori hotel di Kitzbühel ci sono l’Hotel Kitzhof Mountain Design Resort, un lussuoso resort di montagna in stile tradizionale tirolese, che vanta camere accoglienti, un servizio di alta qualità, un buon ristorante di cucina regionale e una spa con trattamenti di bellezza, massaggi, piscina coperta e sauna.

Un altro ottimo hotel è il Kaiserhof Kitzbühel, che vanta sistemazioni ampie e confortevoli in stile tirolese, un buon ristorante, una piscina coperta riscaldata, una spa con idromassaggio ed un centro fitness.

Molto buono è anche l’Hotel Tiefenbrunner, un favoloso hotel a conduzione familiare attivo fin dal 1810 nel cuore di Kitzbühel. Situato in un palazzo storico e arredato in stile tradizionale tirolese, vanta ottime camere, una piscina coperta e un piccolo centro benessere con saune, oltre a due ottimi ristoranti di cucina locale, il Rosshimmel – ricavato nelle antiche scuderie del palazzo – e il Goldene Gams, che serve specialità regionali in una sala molto bella, con antiche arcate e affreschi.

Se cercate qualcosa di più modesto, allora potreste dare un’occhiata alla Pension Schmidinger, che offre comode e spaziose camere in stile tirolese ad un passo dal centro storico, un rapporto qualità prezzo vantaggioso e parcheggio privato gratuito.

I MIGLIORI POSTI DA VEDERE NEI DINTORNI DI KITZBÜHEL

SANKT JOHANN IN TIROL

Il piccolo e grazioso borgo di Sankt Johann in Tirol si trova circa 20 chilometri più a nord di Kitzbühel ed è un’altra rinomata località sciistica austriaca. Qui si trovano decine di piste da sci famose per la discesa e in estate la zona è ricca di sentieri escursionistici. Numerose funivie salgono sul versante meridionale del Kitzbüheler Horn, dove ci sono diverse piste da sci perfette per principianti ed intermedi, molto meno affollate rispetto a quelle di Kitzbühel.

Il centro storico è un gioiello di architettura barocca tirolese, con numerosi palazzi storici che ospitano botteghe, negozi, café e ristoranti. Date un’occhiata alla Chiesa Parrocchiale dell’Assunzione (Dekanatspfarrkirche Mariä Himmelfahrt), risalente al 1728, che custodisce pregiati affreschi e dipinti risalenti al XVIII e XIX secolo, e all’antichissima Spitalskirche St. Nikolaus in der Weitau, una chiesetta risalente al 1262, che conserva la più antica campana del Tirolo (risalente allo stesso anno di fondazione della chiesa), favolosi interni rococò del XVIII secolo e alcune tra le vetrate gotiche del XV più antiche e meglio conservate d’Austria.

FIEBERBRUNN

Un’altra popolare località sciistica nei dintorni è Fieberbrunn, situata circa 20 km ad est di Kitzbühel, nella valle del Pillersee-Ache. Anche se meno famosa di Kitzbühel, questa cittadina vanta ottimi impianti sciistici, come quelli del Lärchfilzkogel (1.660 m) e in estate vanta diversi bei sentieri escursionistici, ideali per lunghe passeggiate nella natura.

A due passi da Fieberbrunn, lungo la strada per Waidring, merita una visita il Pillersee, un bel laghetto alpino che è il punto di partenza ideale per rilassanti passeggiate e un buon posto per un bel picnic.

ALPI DI KITZBÜHEL

Le Alpi di Kitzbühel sono una catena montuosa che si estende per oltre 100 chilometri, con cime arrotondate che oscillano tra i 1500 e i 2500 metri, circondati da verdi vallate e ampie praterie alpine. La scarsità di boschi spiega facilmente perché in inverno questa zona sia un paradiso per gli sciatori, ma i panorami sono molto belli anche nelle stagioni dalla primavera all’autunno.

Gli escursionisti potrebbero voler esplorare le cime più alte ed imponenti delle Alpi di Kitzbühel, percorrendo i tanti sentieri dell’area (l’ufficio turistico a Kitzbühel dispone di mappe e informazioni). Tra le escursioni più sceniche ci sono quelle al Kreuzjoch (2.558 m) e lungo la cresta affacciata sulla vallata punteggiata di laghi alpini che va fino al Torhelm (2.495 m), intorno al villaggio di Gerlos.

Imperdibile l’escursione al Wildseeloder (2.119 m), un altra vetta delle Alpi di Kitzbühel situata ad est del centro città di Kitzbühel. Si parte da Fieberbrunn e si raggiunge con la funivia la stazione a monte del Lärchfilzkogel. Da qui si prosegue sul sentiero per il rifugio Wildseeloderhaus, segnato con il n. 711 (Alta Via di Fieberbrunn), che scende verso Malga Wildalm per poi salire fino al rifugio, affacciato sul lago alpino Wildsee (1.850 m). Questo primo tratto richiede circa 1 ora di cammino, solo andata.

Da qui si può proseguire verso la cima del Wildseeloder seguendo il sentiero n. 5 che parte alle spalle del rifugio. Questo tratto è più ripido e impegnativo e arriva fino alla croce situata sulla vetta della montagna. Da qui si può tornare al rifugio attraverso il sentiero marcato come 5A, che è meno ripido, per poi tornare a valle percorrendo a ritroso la via dell’andata. L’intero percorso è lungo circa 7 km e richiede dalle 3 alle 4 ore per essere completato.

Merita una sosta il rifugio Wildseeloderhaus, che i locali chiamano semplicemente “la casa sulla collina”. Costruito nel 1892 come rifugio per gli escursionisti, offre una vista favolosa sulla valle e sulle circostanti Alpi di Kitzbühel ed è un bel posto per riposarsi, bere una birra o mangiare qualche piatto locale. Volendo si può pernottare nel rifugio prenotando con largo anticipo. Come consuetudine nei rifugi, le camere sono in stile ostello, e dispone di dormitori e camere doppie. Obbligatorio l’uso del proprio sacco a pelo.

SANKT MARTIN BEI LOFER

Tra le gite in giornata da Kitzbühel, vale la pena considerare quella al pittoresco villaggio di Sankt Martin bei Lofer, 38 chilometri a est di Kitzbühel. La principale attrazione di questo paesino incastonato in una verde vallata è il Santuario di Maria Kirchental, la chiesa di pellegrinaggio più importante d’Austria. Anche se non siete particolarmente devoti, vale la pena dare un’occhiata a questa chiesetta costruita nel 1701 e incastonata tra colline e pendii boscosi. Il santuario si trova anche nei pressi di diversi popolari sentieri escursionistici.

LUNGO LA STRADA PER KITZBÜHEL

Kitzbühel è un buon punto di partenza per esplorare il Tirolo Orientale e la regione montuosa circostante, che si spinge fino alla Carinzia. Provenendo dall’Italia, lungo la strada per Kitzbühel potrete visitare diverse belle cittadine e incantevoli paesaggi alpini. Una di queste è Lienz, situata circa 90 chilometri a sud di Kitzbühel e appena 40 km dopo il confine italiano.

Situata tra le valli della Drava e dell’Isel e circondata dalle alte vette degli Alti Tauri, delle Alpi Carniche e dalle Dolomiti di Lienz, questa cittadina vanta un bel centro medievale ed è famosa per il suo artigianato, basato sulla scultura del legno. Una delle attrazioni più belle è il Castello di Bruck, costruito nella metà del XIII secolo, che ospita anche la Galleria Egger-Lienz, con opere del famoso pittore austriaco Albin Egger-Lienz.

Da Lienz la Felbertauern Straße (B108) è la strada più rapida in direzione di Kitzbühel. Richiede il pagamento del pedaggio per un tunnel situato lungo la strada (11 €). Ma, se viaggiate in estate, potreste valutare la più scenografica, lenta e costosa alternativa della Strada Alpina del Großglockner, una meravigliosa strada panoramica che attraversa gli altipiani più alti d’Austria, fino alle pendici del Großglockner, la montagna più alta del Paese, e del Ghiacciaio del Pasterze. Considerate di dedicargli una intera giornata. Il pedaggio per la strada del Großglockner costa 40 € a vettura.

SALISBURGO E HALLSTATT

Salisburgo dista appena 80 km da Kitzbühel, il che significa circa 1,5 ore di guida attraverso i bei paesaggi del Tirolo Orientale. Considerata una delle città più belle d’Europa, Salisburgo vanta un meraviglioso centro storico, un impressionante concentrato di palazzi storici e chiese che la rende un vero gioiello dell’architettura imperiale austriaca. Potreste dedicare un’intera giornata alla visita di Salisburgo, ma temo che non basterà. Per vederla con calma, sarà meglio dedicarle più giorni, magari tre o quattro, pernottando lì.

Un’ora più a est si trova un’altra perla dell’Austria, il pittoresco borgo di Hallstatt, probabilmente uno dei più famosi d’Europa. La sua iconica immagine, con la chiesetta e le case arroccate ai margini di un lago alpino, ha fatto il giro del mondo ed è particolarmente cara ai viaggiatori provenienti dalla Cina. Anche se spesso è presa d’assalto dai turisti, Hallstatt offre degli scorci davvero incantevoli, e passeggiare al tramonto o all’alba fra le sue stradine è un piacere raro. Consiglio: pernottate sul posto, così da godervi le viste migliori prima che arrivino le orde di turisti.

COME ARRIVARE A KITZBÜHEL

Kitzbühel si raggiunge facilmente da Salisburgo, da Innsbruck e da Monaco di Baviera. Dall’Italia la strada più veloce per Kitzbühel è la A22 per il Brennero, che continua sulla A13 austriaca per Innsbruck e A12 fino a Wörgl, a 30 km da Kitzbühel. Una alternativa più lenta, ma molto più gradevole e panoramica, è quella per San Candido o per Mauthen, in direzione di Lienz.

Kitzbühel ha anche una stazione ferroviaria, servita principalmente dai treni locali della linea S8. Da Innsbruck (1-2 ore) o da Salisburgo (3 ore) si cambia a Wörgl per Kitzbühel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *